Home | Chi Siamo | Forum | Newsletter | Gradimento Sito | Contatti

Domanda: Se la copertura finanziaria relativa ad un incarico legale risulta inadeguata rispetto alla parcella presentata dal professionista, la somma non impegnata costituisce debito fuori bilancio?

Qualora il Comune abbia impegnato la spesa presunta relativa all’onorario (comprese le spese accessorie) sulla base di un presentivo presentato, prima dell’affidamento, dal professionista incaricato, non si ritiene costituisca debito fuori bilancio la somma relativa alla differenza tra la parcella e l’impegno assunto.
In tal caso, risultano rispettati i principi di contabilità e di gestione contenuti nell'ordinamento finanziario degli enti locali che impongono che, prima della determinazione dell’impegno di spesa,  vada acquisita dall’avvocato, al quale è stata affidata la rappresentanza in giudizio del Comune, un preventivo di massima relativo agli onorari, alle competenze ed alle spese che presuntivamente deriveranno dall’espletamento dell’incarico stesso ai fini di predisporre un adeguata copertura finanziaria (cfr Corte dei Conti, sezione regionale di controllo per la Campania, parere 4 febbraio 2009, n.8)
Invece, nel caso in cui l’atto di affidamento si sia limitato ad impegnare solo un importo a titolo di acconto, la differenza tra la somma destinata al pagamento degli acconti e quella scaturente dalla liquidazione della parcella definitiva si dovrà procedere al loro riconoscimento ai sensi dell’art. 194, comma 1, lettera e)  del decreto legislativo 267/2000 e secondo le procedure ivi previste (cfr. in termini l’indirizzo delle Sezioni Riunite per la Regione Sicilia in sede consultiva, da ultimo deliberazione n. 2/2007).
Infatti, qualora l’Ente abbia impegnato e coperto finanziariamente solo la spesa necessaria per corrispondere l’acconto al professionista,  ricorre la violazione delle prescrizioni di cui all’art. 191 del d. lgs. 267/2000, attraverso l’effettuazione di spese al di fuori dell’impegno costituito ed in assenza di una specifica previsione nel bilancio dell’esercizio in cui si manifestano.
Luglio 2009