Home | Chi Siamo | Forum | Newsletter | Gradimento Sito | Contatti

Domanda: Al titolare di posizione organizzativa spetta il compenso per straordinario elettorale? Lo stesso deve timbrare le ore di straordinario?

Risposta: Il CCNL del 31 marzo 1999 ha introdotto l’area delle posizioni organizzative attribuendo al personale a cui sia riconosciuta la titolarità di una delle predette posizioni un trattamento accessorio omnicomprensivo, costituito dalla retribuzione di posizione e di risultato, il cui valore è commisurato alla complessità ed al grado di autonomia gestionale ed organizzativa.
Il richiamato CCNL ha, quindi, chiaramente affermato che la retribuzione di posizione e di risultato spettante al personale incaricato delle posizioni organizzative assorbe e ricomprende ogni trattamento accessorio, ivi compreso quello per lavoro straordinario.
I successivi contratti di lavoro, tuttavia, hanno previsto alcune deroghe al carattere omnicomprensivo del citato trattamento.
In particolare,  il comma 2 del medesimo articolo 39 del CCNL del 14/9/2000  ha introdotto la possibilità di remunerare le prestazioni di lavoro straordinario elettorale svolto dal personale titolare di posizione organizzativa ex articolo 8 e ss. del C.C.N.L. 31 marzo 1999, in deroga al principio di onnicomprensività del trattamento accessorio del citato personale.
Tenuto conto che la remunerazione di tali prestazioni è in aggiunta al compenso spettante quale retribuzione di risultato, il lavoro straordinario elettorale  reso dai responsabili dei servizi dovrà essere documentato dalle prestazioni rese in occasione delle consultazioni.
Per completezza, si evidenzia che anche il personale incaricato di posizioni organizzative che, in occasione di consultazioni elettorali o referendarie, è chiamato a prestare lavoro straordinario nel giorno di riposo settimanale, oltre al relativo compenso, ha diritto a fruire di un riposo compensativo corrispondente alle ore prestate (art. 16 CCNL del 2001). Se le ore di straordinario effettivamente prestate sono quantitativamente maggiori, il riposo resta, comunque, limitato ad una giornata lavorativa ordinaria.
giugno 2009